2022 guerre spaziali – Il tecnoribelle

2022 guerre spaziali, non è il titolo di un film fantascientifico ma uno scenario possibile dopo lo scontro tra Natale e Capodanno: “La Cina attacca gli Usa, i satelliti di Musk sono pericolosi”. E ancora. “Cina infuriata per satelliti di Elon Musk”. Infine:La Cina è infuriata per aver dovuto adottare per due volte delle misure per evitare la collisione tra le sua stazione spaziale e i satelliti lanciati da Musk”.

Sono alcuni lanci di agenzia stampa sulla condotta irresponsabile e pericolosa nello spazio. Pechino accusa SpaceX e il magnate transumanista Musk di aver ingolfato lo spazio di propri satelliti, circa 1.600 già lanciati in orbita col progetto Starlink pensato per collegare in Internet col 5G dallo spazio praticamente ogni parte del mondo. ‘Rischio collisioni’, l’accusa cinese, perché nei cieli è previsto un vero e proprio ingorgo elettromagnetico. Tra America e resto del mondo sono una decina le aziende interessate al lancio dei satelliti nello spazio. Se Elon Musk ha presentato richieste alla Federal Communications Commission (FCC) per l’autorizzazione di 42.000 satelliti e 12.000 ne sono già stati approvati, con sede nel Regno Unito OneWeb ha lanciato 148 satelliti e prevede di iniziare a fornire il servizio wireless dal cielo raggiunta la quota 250 satelliti in orbita. Telesat, con sede in Canada, ha aumentato in 1.671 i propri satelliti, mentre AST&Science lista progettando per comunicare direttamente con i telefoni cellulari, così come Omnispace. Ma non è finita, perché ci sono poi Lynk e Amazon, solo quest’ultima punta a 3.236 satelliti, mentre Facebook sta pianificando di lanciare una costellazione di piccoli satelliti di appena 150 libbre, cioè poco più di 68 chili e per questo chiamati cubesat. Non solo, perché poco sappiamo poi delle flotte degli altri, che se stimata per l’America quota 100.000 satelliti, anche per europei, russi e cinesi si pensa al 5G dallo spazio con 100.000 satelliti ciascuno. Insomma, tra il sole, la luna e le stelle, presto anche 4-500.000 satelliti? E con quali ripercussioni su Terra e umanità irradiate dall’alto con radiofrequenze che non lasceranno via di scampo?  Al netto delle avvisaglie sul rischio collisioni e della nota cancerogenicità dell’elettrosmog, queste le altre principali criticità:

1) PERICOLO DISTRUZIONE DELL’OZONO

2) INQUINAMENTO ED EFFETTI SUL CLIMA

3) PROBLEMA DELLO SMALTIMENTO DEI SATELLITI

4) INTERFERENZE CON L’ASTRONOMIA, I SISTEMI GPS E I SATELLITI METEOROLOGICI

5) INTERFRENZA CON IL CIRCUITO ELETTRICO GLOBALE

6) VULNERABILITÀ DELLE ERUZIONI SOLARI

7) VIOLAZIONI del Trattato sui principi che governano le attività degli Stati nell’esplorazione e nell’uso dello spazio esterno, inclusa la Luna e altri corpi celesti e violazione delle Linee guida delle Nazioni Unite per la sostenibilità a lungo termine delle attività nello spazio extra-atmosferico.

Insomma, ci attende un anno molto movimentato. Alziamo gli occhi al celo, nel 2022 non ci faremo mancare niente: benvenuti nella nuova normalità, nel futuro che mancava!

Il Tecnoribelle, aggiornamento periodico di critica e commento sui maggiori avvenimenti relativi all’avanzata del futuro digitale e dell’iperconnessione di sorveglianza. Il tecnoribelle è una rubrica targata Playmastermovie in collaborazione con il giornalista e scrittore Maurizio Martucci. 

Segui la piattaforma www.playmastermovie.com

AGGIORNAMENTO DATI SUI SATELLITI 5G DALLO SPAZIO

Maurizio

Maurizio Martucci

Fare informazione è un lavoro a tempo pieno che richiede molte energie e risorse.
Insieme possiamo creare un maggiore impatto nella coscienza collettiva.

Facebook
Twitter
Telegram
WhatsApp

GUARDA ANCHE

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoRitorna alla home page

    ACCEDI A PLAYMASTERMOVIE