Riprendiamo l’intervista con l’Avv. Gianfranco Amato che, in questa seconda parte, ci illustra le pesanti anomalie incostituzionali derivanti dagli atti amministrativi emanati dal Presidente del Consiglio dei Ministri nell’ultimo anno.

Avv. Gianfranco Amato – DPCM e autoritarismo (parte 2 di 3)

«Per un attimo le schiene degli italiani sono state attraversate da un brivido di paura che ha fatto rivivere gli scenari della fantascienza distopica letta nei romanzi di Orwell, Huxley, Bredbury.
Il ministro della Salute Roberto Speranza annuncia in tv l’intenzione del governo di entrare nelle case degli italiani ponendo limiti alle cene in famiglia e alle feste private, contando, per i controlli, sulle «segnalazioni» di cittadini delatori
»

Quando era Togliatti a difendere l’inviolabilità del domicilio
Il tempo ci dirà se aveva ragione…

E dello stesso avviso sembra essere anche Radio Maria! Che in suo editoriale dell’aprile scorso osservava che:

«Ormai sono molti gli italiani che si grattano la testa e si chiedono: «Che sta succedendo»? Qualcun altro, invece, ha un tarlo. «Dove ho già letto queste cose?» ed è andato a scrutare la libreria, nello scaffale delle letture fatte in adolescenza. Eccolo lì, sapevo che c’era ancora. Così, timidamente, sul web sono risuscitati due classici del genere distopico: “Il Nuovo Mondo” di Aldous Huxley (1932) e “1984” di George Orwell, pseudonimo di Eric Arthur Blair (1949).»

continua sulla fonte

Approfondimento:
https://www.altalex.com/documents/news/2020/05/11/dpcm-e-costituzione

Visita Traterraecielo.live e

Segui su Telegram 

DPCM e Autoritarismo

«Ormai sono molti gli italiani che si grattano la testa e si chiedono: «Che sta succedendo»? Qualcun altro, invece, ha un tarlo. «Dove ho già letto queste cose?» ed è andato a scrutare la libreria nella sezione delle letture di fantascienza e…

Fare informazione è un lavoro a tempo pieno che richiede molte energie e risorse. Insieme possiamo creare un maggiore impatto nella coscienza collettiva, insieme siamo più forti!

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato sulle novità e sui servizi che offriamo. L'informazione libera è un diritto che tutti devono avere.