Figli dell’oblio – Dario Musso – videoclip

Testo e canzone #DarioMusso – Filmmaking #AlessandroAmori – Realizzato da #Playmastermovie

FIGLI DELL’OBLIO – DARIO MUSSO

Prima strofa

Vieni avanti guerriero, dai su non fare il cretino.
Il mondo è pieno di storia ma a noi figli dell’oblio,
ci serve la speranza per resistere più a lungo,
cio’ che e’ stato per scriverne un riassunto.
Sappiamo che saremo cenere, che il miracolo è adesso e conviene vivere. Sopra di noi l’occhio non conosce limite, che bella storia per morire e sorridere. Chissa’ se Dio ci dara’ la sua pieta’, risparmiando noi dalle vostre falsita’. Esserci e’ la cosa piu’ bella, ma puntiamo al vero, a morire in guerra. Difendere la Terra dalla tua ingiustizia, dalla pupilla del serpente che ci da tristezza.

Intermezzo

Solo Lui puo’ giudicarmi, Lui che non puo’ sbagliarsi. La Creazione fa gli scherzi, era meglio non vedervi. Era meglio non sentirvi, fra quest’umanita’ di servi. So che tu non puoi capirmi. No, non hai un cuore per vedermi.

Seconda strofa

No, ammirazione è una parola seria, sono cresciuto dove la mentalità è in miseria. Tutt’ora che ritorno rivivo l’inferno, ho ancora i problemi di chi ama ed odia il mondo. Qui’ mi vergogno dell’infanzia che mi han tolto, di quegli amici che rivedo giu’ nel fosso. Siamo noi come schiavi incatenati che cantano canzoni ai carcerieri ammaestrati. Su per quella valle il guardiano e’ impazzito. Molto meglio stare zitto, gestisce lui cio’ che tu hai costruito, e poi all’Italia dice “Giovane non rido”. Manifestare sto disagio generale, fa molto male ma a me lasciami rappare. Ora sei tu ed e’ tutto normale, 2 Maggio 2020 vi lascio fare.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Fare informazione è un lavoro a tempo pieno che richiede molte energie e risorse. Insieme possiamo creare un maggiore impatto nella coscienza collettiva, insieme siamo più forti!

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato sulle novità e sui servizi che offriamo. L'informazione libera è un diritto che tutti devono avere.