Gli UFO non sono più un segreto

A cura di Giuliano

Da un anno a questa parte gli ufo non sono più un segreto, il quale si sta quotidianamente sgretolando e specie in questi ultimi giorni.

L’inizio degli anni 20 di questo secolo passeranno certamente alla storia e non solo per la falsa pandemia ma anche e soprattutto per lo sdoganamento e non solo di quello che è stato, da almeno 80 anni a questa parte, uno dei segreti più nascosti, mistificati e ridicolizzati della storia recente.

Mi riferisco al fenomeno degli UFO che già da un po’ si chiamano UAP, ovvero fenomeni aerei non identificati; forse un vano tentativo di spostare l’attenzione da oggetti, ormai identificati a fenomeni più generici e che ad oggi tanti sono ancora non meglio identificati.
Ma vediamo il seguente video:

UAP rilevati e tracciati sui radar della Marina Militare americana
UFO avvistato e videoregistrato dai piloti mentre operava con velocità e manovre letteralmente impossibili per i velivoli ad oggi conosciuti, il tutto confermato della marina americana

Se siete ancora tra coloro che si pongono la domanda “esistono oppure no”? Restate pure dei convinti e terminate la lettura.

Per quanto mi riguarda, se avessi fatto questa domanda a freddo fino a solo un paio di anni fa avrei ancora trovato parecchia gente che mi avrebbe riso in faccia e trattato da bonaccione. Ma la risposta alla domanda precedente oggi deve essere un SI’ convinto più che mai prima.

Oggi, alla luce di questi nuovi fatti e dichiarazioni, ha più senso chiedersi, chi governa o pilota gli UFO?

Quindi la domanda non fa altro che spostare l’asticella verso una maggiore comprensione del fenomeno arrivando a conoscere quelle verità che ci porranno dinanzi a nuovi quesiti che inevitabilmente porranno nuove domande. In poche parole è la storia dell’evoluzione del pensiero critico umano che da ormai troppo tempo qualche malevola entità sta cercando puerilmente di rallentare.

fonte: https://www.borderlain.it/intervista-a-omega-click/

A mio parere, ma non solo, in questo percorso di conoscenza e consapevolezza del fenomeno ufologico ha ormai consolidato una posizione di spicco, nel panorama della divulgazione di informazioni e documenti (liberamente ottenibili grazie al FOIA) lo youtuber Omega Click.

Sono ormai circa tre anni che seguo il suo lavoro di divulgazione che, a meno di qualche vecchio video e una caduta di stile nei confronti di un altro personaggio pubblico non mascherato, apprezzo globalmente per la veridicità e soprattutto la tracciabilità della documentazione che offre a sostegno dei suoi video.

Il personaggio indossa una maschera di Anonymous e ha la voce alterata. L’avrà fatto per timidezza, per tutelare la sua sicurezza, o altro? Tutte domande che secondo me lasciano il tempo che trovano. Il ragazzo o adulto che sia s’è inventato un plot vincente che in poco più di 3 anni ha raccolto il consenso di oltre 165mila utenti che seguono il suo canale.

Un pò spaccone ma divertente Omega Click non è un ufologo accreditato ma un divulgatore che ha semplicemente materializzato un archetipo inconscio che abbiamo tutti e che, a mio parere, credo sia stato costruito ad arte nel nostro subconscio collettivo.

Ha scelto di indossare una maschera per rendere note delle verità che non sono nascoste, ma sono sistematicamente ignorate perché tutti indossiamo una maschera che non sappiamo di indossare neanche quando ci guardiamo allo specchio.

Probabilmente se togliesse la maschera l’attenzione si focalizzerebbe sulla sua faccia, sull’essere umano, la sua condizione e non più sul messaggio che porta coi suoi video divulgativi.

Instancabile ricercatore e prolifico traduttore di documenti desecretati è stato uno tra i primi a divulgare la notizia degli avvistamenti ufo e confermati come tali dalla Marina americana (US Navy).

28 aprile 2020 – tre video UFO declassificati del Pentagono ripresi dai Piloti della Marina degli Stati Uniti
17 maggio 2021 – un UFO vola nei pressi di una nave della Marina USA al largo della costa di San Diego prima di scomparire improvvisamente sott’acqua

Per la pesantezza dei video trapelati, la conferma da parte del Pentagono (ora attendiamo anche i russi) sull’avvistamento e l’inseguimento di ufo, nello spazio aereo di sua competenza, da parte di caccia della US Navy, non poteva che giungere senza filtri o distinguo ed infatti la notizia è rimbalzata un pò ovunque:

Tuttavia non bisogna escludere nemmeno l’ipotesi che una parte di questi fenomeni aerei (UAP) possa essere anche il risultato di studi e lavori di retroingegneria, fatti su astronavi aliene precipitate o abbattute. 
Sono infatti ormai alcuni anni che si parla di un velivolo dalle prestazioni essenzialmente straordinarie, il Tr-3B che sarebbe il progetto di un velivolo aereo “segretissimo” dell’USAF. Vediamo un paio di video a riguardo:

Spezzoni video del TR-3b (alcuni di questi li reputo, in base ad una mia personalissima analisi qualitativa delle immagini, probabilmente manipolati ma altri sono molto interessanti)
TR-3B: Brevetti che ci espongo qualcosa di veramente ambiguo, da velivoli che utilizzano propulsioni non convenzionali al teletrasporto, un video con concetti che si possono ritrovare anche in altri che trattano di tecnologie avanzate.

Ricordiamo che il progetto del SR-71 Blackbird è rimasto segreto per parecchi anni prima di essere ufficialmente portato alla conoscenza dell’opinione pubblica, ma le sue radici progettuali affondano negli anni 50′.

In conclusione, ritengo che il vero punto focale della questione è che, alla luce di questi fatti incontrovertibili, la maggior parte delle persone si disinteressa di informarsi su qualsiasi cosa, un pò come se vivesse per inerzia! E’ come se desse per scontato che tanto c’è qualcuno o qualcosa che dica le cose come stanno senza verificare con nessun senso critico.

Se la CIA o la NASA o chicchessia desecretano qualcosa, significa che ritengono l’opinione pubblica sufficientemente pronta a conoscere queste verità. I brevetti sono su Google, ma anche sul sito della wipo, ecc…, ma la massa sembra non voler conoscere la verità perché è più facile credere a una bella bugia che ad una scomoda verità!

Comunque, “tra terra e cielo” cerco di restare coi piedi per terra e sono anche dell’idea che non tutto quello che viene desecretato corrisponda a come stanno oggi effettivamente le cose, perché se qualcuno volesse realmente mantenere un segreto non lo renderebbe disponibile online a tutti o su fogli stampati che conserva per poi divulgarli!

Intanto, stando alle dichiarazioni di John Ratcliffe (ex direttore dell’intelligence Usa) attendiamo e vediamo cosa accadrà in questo mese entrante di giugno quando verranno resi pubblici altri importanti documenti inerenti gli ufo, ops uap!

Immagine di copertina:
SOM1-01: Entità e tecnologia extraterrestri, recupero e smaltimento, aprile 1954.

"ATTENZIONE! Questo è un documento TOP SECRET-MAJIC EYES ONLY che contiene informazioni compartimentate essenziali per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.
L'accesso - SOLO PER GLI OCCHI - al materiale qui contenuto è strettamente limitato al personale in possesso del livello di autorizzazione MAJIC-12.
L'esame o l'uso da parte di personale non autorizzato è strettamente vietato ed è punibile dalla legge federale". Questo documento delinea le procedure e gli obiettivi del recupero, della pulizia dell'area, dell'inventario e dello smaltimento dei materiali di un crash site.
” (fonte)

Approfondimenti:
https://info.publicintelligence.net/DIA-WarpDrives.pdf
https://www.databaseitalia.it/la-space-force-designata-18-membro-della-comunita-di-intelligence/

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Fare informazione è un lavoro a tempo pieno che richiede molte energie e risorse. Insieme possiamo creare un maggiore impatto nella coscienza collettiva, insieme siamo più forti!

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato sulle novità e sui servizi che offriamo. L'informazione libera è un diritto che tutti devono avere.