Maxi operazione contro una torteria…

Mafia-Covid - Maxi operazione disposta dal Gip del Tribunale di Ivrea tesa al sequestro di una pericolosa torteria a Chivasso (TO). Circa 150 esponenti delle forze "dell'ordine" tra carabinieri, poliziotti, finanzieri e agenti di polizia municipale, a detta dei presenti, hanno occupato il locale sostituendone la serratura d'ingresso.
Imponente il dispiegamento di forze messo in campo per notificare la sanzione amministrativa alla titolare del locale.

Sequestrati 160kg di farina, oltre 600 uova, differenti tipi di zucchero di cui un tipo non raffinato, la famigerata canna da zucchero, già pronta per la distribuzione.
Uno duro colpo per gli spacciatori di diritti civili e umani rei di voler far rispettare i principi della Costituzione italiana.

Una donna di uno sparuto locale della provicnia torinese che ha l'ardire di ergersi a protettrice dei diritti costituzionali al posto delle istituzioni, ma come si permette! Bisogna dare subito un segnale forte prima che la gente si svegli e capisca che si sta sovvertendo l'ordine sociale.

Se non s’è capito il tono dovrebbe essere ironico e satirico se non fosse che questa triste, tristissima vicenda purtroppo è vera ed è accaduta questa mattina. Una nuova pagina oscura del nostro amato Paese. Una simile azione ha una forte valenza simbolica, colpirne uno per educarne cento; il classico italico atteggiamento da sgherri di manzoniana memoria.

il momento del sequestro
La titolare racconta come s’è svolto il sequestro
Si apprende con un certo sconcerto che le forze dell’ordine sono intervenute anche con l’appoggio di una ambulanza, “per la sicurezza della Signora Rosanna”
LA CONQUISTA MILITARE DELLA TORTERIA DI CHIVASSO:UN ALTRO PEZZO DELLA PEGGIORE STORIA ITALIANA
In questa ora è in atto l'intervento di circa 150 Forze dell'ordine, quale?, che hanno sbarrato le strade di accesso per notificare qualche sanzione amministrativa, una denuncia penale per un reato di modesto livello alla proprietaria del negozio La Torteria di Chivasso. 
Forse, insieme al PUB Halloween, una delle peggiori pagine della storia italiana degli ultimi anni, paradigma di una follia autoritaria pilotata dall'alto contro gli interessi degli italiani, soprattutto, degli italiani che producono con impegno ed onestà. 
Dovrebbero rimanere secondo chi assume simili comportamenti soli i disonesti a spadroneggiare impuniti e nella piena visibilità. Non lo permetteremo. Occorre denunciare alla corte dei conti questo dispiegamento di oltre 150 militari per le rogazione di una sanzione amministrativa e la notifica di un atto penale meramente contravvenzionale. 
Occorre presentare un esposto contro chi ha ordinato quest'operazione poliziesca palesemente sperequata rispetta all'oggettiva gravità dei fatti ma soprattutto alla soggettiva pericolosità delle persone coinvolte.
Un abominio che fa regredire l'Italia da paese in cui si possa ritenere sussistente lo Stato di diritto, a paese paragonabile a qualche piccolo Stato sudamericano di tristissima memoria.

Fonte: Avv.Mauro Sandri

fonti:
– https://primachivasso.it/cronaca/caso-la-torteria-sequestrato-il-locale-di-chivasso-le-foto/

– https://www.lastampa.it/torino/2021/05/06/news/il-tribunale-di-ivrea-dispone-il-sequestro-della-torteria-di-chivasso-1.40238621 (le multe sono una 15ina, per dichiarazione di Rosanna, e non 150 come riporta La Stampa, ma probabilmente il numero alto fa più scena)

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Fare informazione è un lavoro a tempo pieno che richiede molte energie e risorse. Insieme possiamo creare un maggiore impatto nella coscienza collettiva, insieme siamo più forti!

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato sulle novità e sui servizi che offriamo. L'informazione libera è un diritto che tutti devono avere.