VIA LA MASCHERINA A SCUOLA!

Sentenza del 19/02/21 TAR-Lazio N. 02102/2021

Abolito l’obbligo delle mascherine fino alla terza media compresa, quando è possibile rispettare la distanza di 1 metro!

Finalmente una notizia positiva! A seguito dell’impossibilità di dimostrare l’efficacia delle mascherine per la prevenzione da Covid, il TAR-Lazio è giunto a questa sentenza!

Sembra una piccola grande vittoria, in mezzo alla follia di imposizioni insensate! Queste vittorie legali danno un poco di speranza a un sistema che ormai sembra al limite della cinematografia horror/comica più scadente! La cosa importante su cui mettere il focus, è che queste azioni creano una traccia, un precedente ripercorribile poi da altri. Quindi, mentre gruppi  di pionieri si apprestano a creare una nuova realtà, un nuovo “gioco”, decisamente migliore di quello attuale,  avanti tutta con le vie legali per lasciare gloriosamente questo “videogame”!

Devo dire che aspettavo con urgenza questo momento, perché mi si accappona ancora la pelle, quando penso a bambini e ragazzini obbligati per  5-6 ore consecutive a tenere la mascherina fino a sopra il naso! Una cosa a mio avviso, davvero molto, molto grave! Basterebbe prendere un qualsiasi bambino e chiedergli se respira meglio con, o senza la mascherina, per capire che non è una cosa naturale e che può creare veramente molti danni quando questa viene tenuta per cosi tanto tempo!  Mi chiedo fino a che punto la gente sia già riuscita a fare diventare “normale “ questa cosa… Quando ci viene imposto qualcosa, dovremmo SEMPRE chiederci qual è l’emozione che sostiene quel comando, o quella scelta! Se è la paura, il senso di colpa, il ricatto, o energie simili, allora sappiamo che sicuramente c’è qualcosa che non va, ci si deve accendere una “spia”, proprio come quelle rosse della macchina! Se qualcuno ci impone qualcosa mettendoci paura, sicuramente è un azione lontana dall’AMORE e soprattutto con un secondo fine! La paura, come la fretta, non è quasi mai una buona consigliera, tantomeno le altre energie negative!

Troppo spesso poi  giustifichiamo la nostra paura con il senso civico! Sempre facendo riferimento alle mascherine, o alle altre “regolette” imposte, possiamo notare che il più delle volte ci si nasconde dietro al “senso civico” per nascondere per es. la propria paura di ammalarsi, o di essere giudicati come “eretici”, o di non essere accettati socialmente dal “gregge”. Ci nascondiamo dietro all’obbedienza del “bravo omino” che rispetta le regole, anche se il più delle volte sappiamo che queste ultime non hanno senso. Siamo anche ricattati, spesso e volentieri, dal senso di colpa che scaturirebbe se  “contaminassimo” qualcun altro e ovviamente, dal giudizio che ne conseguirebbe: “Sei un irresponsabile”! Mettersi la maschera infatti, psicologicamente serve anche a nascondersi dalla vergogna, per molti, non a caso, mettersi la maschera è addirittura un sollievo! Inoltre alla mascherina, è legato il simbolo del “bavaglio”, come dire: “state muti e ubbidite!”.  Basta guardare la censura che viene fatta sui social e la monotematica informazione del main-stream! Forse, in pochi sanno che sono stati pagati dal governo 50 milioni di euro alle tv che si sono offerte di seguire la politica governativa a promuovere gli spot pro-vax!

La mascherina ha la stessa efficacia della coperta di Linus! https://rumble.com/vdr1lz-fuori-dal-virus-n120-mascherine-si-o-no-dott.-stefano-montanari-.html

Tutto questo discorso  della mascherina (e di altre imposizioni), avrebbe senso se davanti a noi avessimo una paura reale! Per es. se fossi sul bordo di un tetto, la paura di cadere potrebbe salvarmi la vita, perché il pericolo sarebbe reale. La paura in questo caso sarebbe funzionale alla preservazione della vita! Purtroppo il più delle volte invece queste paure sono irreali, sono immaginarie o inventate e indotte ad hoc per manipolarci! Il discorso del virus e della Covid per esempio, è geniale! Essendo una cosa invisibile, nessuno può verificare che esista, nessuno lo può vedere! Sfido, a parte pochissimi e isolati casi, a farvi questa domanda: se non aveste avuto la TV, le radio e i giornali, vi sareste accorti che in atto c’era una “pandemia” ?

Bisogna prendere atto che, si stanno sostituendo le armi fisiche, con sottili e invisibili armi psicologiche! Sono riusciti a creare una psicosi di massa attraverso l’informazione! La vera guerra oggi infatti è quella dell’informazione! Se osserviamo, possiamo vedere che, di fatto, sono stati messi in ginocchio interi paesi, con quattro telegiornali e programmi televisivi da circo ben orchestrati!

Mi capita ogni tanto di incontrare persone terrorizzate, percepisco il panico nell’aria e negli occhi delle persone… e, mentre mi avvicino, esse si allontanano per mantenere la cosiddetta “giusta distanza”! Un’altra roba da matti, creata su una cosa invisibile, probabilmente inesistente! Stanno preparando il terreno a una generazione di ipocondriaci e affetti da DOC, il disturbo ossessivo da contaminazione! L’obiettivo è chiaramente quello di separare, limitare sempre più i contatti umani, a favore delle aziende che producono social media e farmaci!

Un’altro dei ragionamenti più diffusi, che ho sentito dire è: “meglio respirare la propria anidride carbonica che prendere la COVID”! Dunque, nel dubbio, la mascherina me la metto, nel dubbio, resto chiuso in casa, nel dubbio, tengo le distanze, nel dubbio, sacrifico anche l’ attività di una vita! Il tutto per cosa? Per la PAURA, peraltro di una cosa invisibile!

Riporto una frase di Martin Luther King: “Un giorno la paura bussò alla porta. Il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno”.

Ricordo sempre che i grandi esoteristi che muovono il mondo conoscono PERFETTAMENTE le debolezze dell’essere umano e sanno perfettamente come stimolarle! La paura della morte infatti è la principale paura dell’essere umano. Una cosa che invece se analizzata dal punto di vista spirituale,  non è altro che un trasferimento della nostra anima! Non si vive per paura di morire, è assurdo! Un uomo molto saggio disse: “Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Pensano tanto al futuro che dimenticano di vivere il presente, in tale maniera che non riescono a vivere né il presente, né il futuro. Vivono come se non dovessero morire mai e muoiono come se non avessero mai vissuto.“ Dalai Lama.

Possiamo quindi sfruttare tutte queste situazioni che ci stanno capitando, come occasione per imparare a CONOSCERCI meglio, a capire come funziona questa meravigliosa macchina che siamo e soprattutto come funziona la nostra mente! Quindi analizziamoci per vedere fino a che punto siamo padroni della nostra vita, o invece siamo schiavi delle nostre emozioni come per es. la paura! Tutto questo ovviamente è funzionale alla nostra evoluzione, ci serviva un evento, un qualche cosa che ci obbligasse ad uscire dalla nostra routine, dal proprio “range di comfort”! Eccoci serviti, ci siamo creati tutto questo come umanità, per cui ora approfittiamo di questo momento per rivolgere gli occhi al nostro interno e vedere fino a che punto conosciamo noi stessi, senza giudizio, ma con un oggettiva e neutrale amorevolezza!

Mi raccomando lasciate i bambini lontani dalle vostre paure, non inquinateli… I bambini  SENZA MASCHERINA!

Con Amore e fiducia,

Carlo Zanni.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp
No payment method connected. Contact seller.
No payment method connected. Contact seller.
No payment method connected. Contact seller.
No payment method connected. Contact seller.