Stadio: ingresso solo ai vaccinati – Ricorso dei Mille Avvocati per la Costituzione

I titoli di giornale ci hanno abituato al binomio calcio-discriminazione in relazione ad episodi di cori razzisti o xenofobi da parte di qualche tifoseria ma stavolta è alla FIGC che dobbiamo dare una grande tirata d’orecchie.

Il motivo si deduce dalle condizioni richieste per assistere alla partita del Campionato Europeo 2020 del 3 luglio 2021 per come prescritte dalla decisione della FIGC del 5 giugno 2021 (link: https://www.figc.it/it/federazione/news/uefa-euro-2020-modalitàdi-accesso-allo-stadio-olimpico-per-i-possessori-di-biglietti-05-062021/#:~:text=Si%20ricorda%20che%20è%20obbligatorio,Passaporto%3B%20Carta %20di%20Identità). Tali condizioni infatti limitano illegittimamente l’ingresso allo stadio Olimpico di Roma soltanto ai tifosi che siano in possesso di una delle seguenti certificazioni a) di avvenuta vaccinazione o b) di guarigione ovvero c) di negatività.

Questa decisione della FIGC poggerebbe sul decreto del Sottosegretario allo Sport del 04/06/2021 e tuttavia entrambe si pongono in netto contrasto con l’art. 5, 3° comma, del DL n.52/2021 che invece individuava queste condizioni ma solo e soltanto per gli eventi sportivi che si sarebbero dovuti svolgere in Regioni in zona-gialla. Ma di che colore è oggi la Regione Lazio? dal 14/06/2021 è in zona-bianca!! Quindi nessuna di quelle condizioni può essere applicata.

Ma non solo. Le limitazioni e condizioni previste si pongono altresì in violazione dell’art. 11 Risoluzione UE 9 giugno 2021 perché introducono ulteriori restrizioni alla circolazione delle persone in contrasto a quanto stabilito dalla sovraordinata normativa europea sul green certificate pass.

La Figc ha un bilancio di centinaia di milioni di euro e quindi non è credibile che non abbia un ufficio studi o dirigenti all’altezza di dissuaderla dal commettere questo grave errore.

Verrebbe da dire che il “fallo” sia intenzionale e che la FIGC meriti l’espulsione ma tuttavia la Federazione ha ancora modo di correggersi cancellando questo illegittimo atto discriminatorio che pretende crea tifosi di Serie A e di Serie B sulla base dei loro privatissimi dati sanitari, consentendo quindi a tutto il pubblico di accedere allo Stadio Olimpico senza restrizioni e limitazioni antigiuridiche ed ultronee rispetto alle disposizioni normative ed al buon senso.

Cari giocatori della nazionale di Calcio Italiana, stasera scopriremo quanti di voi si inginocchieranno per “solidarietà” verso le minoranze BLM ma se la FIGC non modificasse le condizioni di accesso allo stadio, riteniamo che voi abbiate il dovere di protestare insieme a noi Mille Avvocati per la Costituzione per evitare che i tifosi di calcio siano discriminati e lasciati fuori dagli stadi.

MILLE AVVOCATI PER LA COSTITUZIONE www.milleavvocati.it – 1000avvocatiperlacostituzione@gmail.com

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Fare informazione è un lavoro a tempo pieno che richiede molte energie e risorse. Insieme possiamo creare un maggiore impatto nella coscienza collettiva, insieme siamo più forti!

Iscriviti alla Newsletter per rimanere aggiornato sulle novità e sui servizi che offriamo. L'informazione libera è un diritto che tutti devono avere.